Home / Allerte alimentari / Consulta l’elenco delle allerta attualmente aperte

Consulta l’elenco delle allerta attualmente aperte

 

Clicca qui per consultare l’elenco delle allerta attualmente aperte

 

Che cos’è il sistema di allerta alimentare?

Per prevenire l’immissione sul mercato comunitario, e quindi anche in Italia, di alimenti che costituiscono un rischio diretto o indiretto per la salute dei consumatori la Comunità europea ha istituito il sistema rapido di allerta comunitario.

Questo sistema, sviluppato sotto forma di rete, deve garantire, nel più breve tempo possibile, la diffusione di tutte le informazioni inerenti un alimento a rischio agli organi di controllo competenti (in Italia le AASSLL) per consentire l’attuazione di tutte le misure di tutela della salute pubblica. Perché il sistema funzioni efficacemente sono stati individuati diversi snodi di comunicazione (punti di contatto) a livello ministeriale, regionale e territoriale attraverso i quali le informazioni viaggiano tempestivamente (posta elettronica). Tutti i prodotti alimentari potenzialmente nocivi vengono, quindi, rintracciati, analizzati e ritirati dal commercio.

 

Come è coinvolto il consumatore nel sistema di allerta?

Nel caso di rischio grave ed immediato (esempio tossina botulinica), oltre a disporre immediatamente il sequestro dei prodotti, la procedura di emergenza nei casi in cui il prodotto sia entrato già in possesso del consumatore deve essere integrata con comunicati (richiamo). In questo modo vengono informati i cittadini sul rischio reale legato al consumo di un determinato prodotto e sulle modalità di riconsegna dello stesso al punto d’acquisto oppure all’ASL territorialmente competente.

 

Cosa trovo pubblicato in questo sito?

La Regione ha ritenuto necessario rendere disponibile online, attraverso il sito dell’ORSA, l’elenco dei prodotti oggetto di richiamo (per i quali le azioni di sequestro e di ritiro dalla catena di distribuzione non sono sufficienti) e che interessano il territorio regionale.

 

Quali sono i criteri di pubblicazione delle allerta alimentari?

La Regione Campania rende disponibile attraverso il sito dell’Orsa la pubblicazione di alcune delle allerta alimentari in corso. Tale pubblicazione non riguarda tutte le allerta indistintamente ma è una selezione secondo dei criteri specifici. In primo luogo l’allerta deve costituire un serio ed imminente rischio per il consumatore, gli alimenti da sottoporre a ritiro devono avere la data di scadenza ancora valida e cosa più importante le procedure di ritiro dell’alimento, che spettano per legge ai produttori, non hanno evitato la distribuzione dei prodotti ai consumatori che dunque possono avere delle scorte delle dispense domestiche.

L’applicazione di questi principi costituisce il presupposto della pubblicazione di tali notizie che non  hanno come obiettivo  quello di generare allarme nel consumatore ma di creare in lui una corretta consapevolezza.

 

Come si controlla se l’alimento che conservo in casa è oggetto di richiamo per allerta alimentare?

Per prima cosa è necessario controllare la rispondenza del prodotto ed in particolare il tipo di alimento (uova, latte, yogurt ecc.), il confezionamento (1), il produttore (2) e quindi il numero di lotto (3).

L’alimento che corrisponde a quello citato nell’elenco deve essere escluso dal consumo e consegnato al punto d’acquisto oppure alla ASL.

 

Consulta l’elenco delle allerta attualmente aperte

 

Lo sapevi che?

Il lotto designa un insieme di unità di vendita di una derrata alimentare, prodotte, fabbricate o confezionate in circostanze praticamente identiche. La dicitura che consente di identificare il lotto di appartenenza di un prodotto è leggibile sulla confezione in forma di numero a più cifre o in forma alfanumerica ed è preceduto dalla lettera “L“.

Il lotto può essere utile per l’individuazione delle partite non idonee al consumo, da ritirare dal commercio.

Se un operatore del settore alimentare ritiene o ha motivo di ritenere che un alimento da lui importato, prodotto, trasformato, lavorato o distribuito non sia conforme ai requisiti di sicurezza degli alimenti, e l’alimento non si trova più sotto il suo controllo immediato, egli deve avviare immediatamente procedure per ritirarlo dal mercato e informarne le autorità competenti. Se il prodotto è già giunto al consumatore, è cura dell’operatore informare i consumatori, in maniera efficace, del motivo del ritiro e, se necessario, richiamare i prodotti già forniti ai consumatori quando altre misure siano insufficienti a conseguire un livello elevato di tutela della salute (richiamo).