Campylobacter jejuni

Organismo:
Il Campylobacter jejuni è una specie batterica bastoncellare di forma elicoidale, non-sporigena, Gram-negativa. Molte forme hanno capacità di  motilità per la presenza di un flagello polare mobile ad uno o entrambi i poli di questo battere.

I membri del genere Campylobacter sono microaerofili; essi crescono a basse concentrazioni di ossigeno atmosferico. La maggior parte trova condizioni ottimali di crescita tra il 3% e il 5% di ossigeno atmosferico. Per cui, solitamente, questi batteri risultano fragili in condizioni ambientali e piuttosto problematici da coltivare in laboratorio.

Ulteriori condizioni alle quali il Campylobacter Jejuni risulta suscettibile sono essiccazione, riscaldamento, congelamento, disinfettanti, e condizioni di acidità.

Altre specie di Campylobacter, come C. coli e C. fetus,  possono  spesso causare  malattie di origine alimentare negli esseri umani; Tuttavia, più dell’80% delle infezioni da Capylobacter sono causate da C. jejuni e C. coli.

Il C. jejuni provoca sintomi di malattia simili alle  Infezioni da C. fetus, il cui contagio è spesso associato al contatto con gli animali o al consumo di cibi e bevande contaminati. L’infezione risulta  particolarmente pericolosa per i feti e i neonati, nei quali il tasso di mortalità può raggiungere il 70%.

Le sequenze genetiche del Campylobacter sono relativamente instabili; sono stati proposti diversi meccanismi che possono portare a questa instabilità genetica, ad esempio l’attività  del batteriofago di ricombinazione del DNA e di  trasformazione. Ci sono diversi metodi di tipizzazione, come ad esempio l’elettroforesi in gel a campo pulsato, la PCR, la  ribotipizzazione e la genotipizzazine, per la valutazione della diversità genetica di C. jejuni.

Un elenco dei diversi genomi di  Campylobacter che sono stati sequenziati è consultabile dal link: National Center for Biotechnology Information.

Ciclo metabolico:
Mortalità:
Il CDC attribuisce circa 76 morti ogni anno per campylobacteriosi negli Stati Uniti.

Dose infettiva:
Nella maggior parte dei casi, il numero minimo di cellule ingerite di Campylobacter che possono causare infezione  si ipotizza essere circa 10.000. Tuttavia, da alcune ricerche effettuate sui volontari , il numero minimo di cellule ingerite ,provocante la malattia, è di circa 500.  Le differenze nella dose infettante probabilmente possono essere attribuite a diversi fattori, quali il tipo di cibo contaminato consumato e la salute generale del soggetto esposto.

Incubazione:
Il periodo di incubazione, dal tempo di esposizione alla comparsa dei sintomi, varia generalmente da 2 a 5 giorni.

Malattia / complicazioni: La malattia causata da C. jejuni è chiamata campilobacteriosi. La manifestazione più comune di campilobacteriosi è una gastroenterite auto-immune, chiamata”enterite da Campylobacter,” che non richiede terapia antibiotica. Qualora fosse necessario un  trattamento antibiotico, le molecole d’elezione, più frequentemente utilizzate, sono  l’eritromicina o la ciprofloxacina.

Una piccola percentuale di pazienti sviluppa complicazioni che possono essere gravi. Questi includono batteriemia e infezione di vari apparati, come la meningite, epatite, colecistite, e pancreatite. Si stima che circa  l’ 1,5  dei casi di batteriemia si verificano per ogni 1.000 casi di gastroenterite. Le infezioni possono anche portare, anche se raramente, all’ aborto spontaneo o alla sepsi neonatale.

Le malattie autoimmuni sono un’ altra possibile complicazione  per campilobacteriosi croniche ; come ad esempio, la sindrome di Guillain-Barré (GBS). Si è stimato soltanto un caso di GBS su 2.000 infezioni da C. jejuni, in genere 2-3 settimane dopo l’infezione. Non tutti i casi di GBS sembrano essere associati con la campilobatteriosi, ma è il fattore più comunemente identificato prima dello sviluppo di GBS. Vari studi hanno dimostrato che almeno il 40% dei pazienti affetti da GBS, precedentemente aveva contratto un’infezione da Campylobacter. Si ritiene che gli antigeni presenti su C. jejuni sono simili a quelli presenti nei tessuti nervosi dell’uomo, che provoca la reazione autoimmune. L’ Artrite reattiva è un’ altra potenziale complicazione conseguente ad una infezione cronica. Essa può essere provocata da diversi tipi di infezioni e si verifica nel  2% dei casi di gastroenterite da   C. jejuni . Sono stati documentati inoltre casi di  Sindrome uremica emolitica e colite ricorrente a seguito di infezioni da C. jejuni.

Sintomi:
febbre, diarrea, crampi addominali, vomito e sono i sintomi principali. Le feci possono essere acquose o appiccicose e possono contenere  sangue (a volte occulto – non distinguibile ad occhio nudo) e leucociti fecali (globuli bianchi). Altri sintomi spesso presenti includono dolore addominale, nausea, mal di testa, e dolori muscolari.

Durata: la maggior parte dei casi di campilobacteriosi sono auto-limitanti. La malattia dura tipicamente da 2 a 10 giorni.

Via di trasmissione: orale

Patogenesi:
I meccanismi di patogenesi del C. jejuni non sono ben compresi e di solito variano in base ai geni di virulenza presenti in un particolare ceppo. In generale, il C. jejuni causa infezioni in grado di invadere e colonizzare il tratto gastrointestinale umano. La  motilità sembra essere un fattore importante nella patogenesi del C. jejuni, consentendo al batterio di invadere la mucosa intestinale umana. I meccanismi con cui l’invasione cellulare da C. jejuni causa i sintomi osservati rimangono ignoti. Dagli studi di sequenziamento, i ricercatori non  hanno isolato i geni della tossina che probabilmente provoca la diarrea e gli altri sintomi più comuni.

Frequenza:
Il  Campylobacter è la terza causa di malattia alimentare batterica negli Stati Uniti, con una stima di 845.024 casi che si verificano ogni anno,  da uno  studio condotto nel 2011  dai Centri per la Prevenzione  e Controllo delle malattie.

Secondo i dati del  FoodNet, l’incidenza dei casi di campilobacteriosi riportati  dal CDC nel 2008 è del 12,68 per 100.000 individui, in calo del 32% negli ultimi dieci anni. Per ogni caso segnalato di campilobacteriosi, si stima che 30 casi non sono denunciati.

Le principali fonti di cibo legate a infezioni C. jejuni comprendono prodotti utilizzati impropriamente come carni di pollame poco cotte, latte non pastorizzato, formaggi prodotti con latte non pastorizzato e acqua contaminata. L’ infezione da Campylobacter negli esseri umani è stato collegata al consumo di carne di pollame, sia fresca che congelata, poco cotta. I metodo più efficaci  per limitare l’esposizione alimentare e di origine idrica per Campylobacter sono la cottura completa di carni di pollame, la pastorizzazione del latte e dei prodotti lattiero-caseari e la disinfezione dell’acqua. La diminuzione del rischio alimentare derivante dal consumo di prodotti avicoli contaminati può essere raggiunta attraverso le buone prassi igieniche da parte dei produttori e dei consumatori.

Il Campylobacter fa parte della naturale microflora intestinale degli animali utilizzati per la produzione di alimenti, come polli, tacchini, maiali, bovini e pecore. In genere, ogni carcassa contaminata di pollame può trasportare da 100 a 100.000 cellule di  Campylobacter. Tenuto conto del fatto che 500 cellule di Campylobacter possono causare infezioni,  i prodotti avicoli rappresentano un rischio significativo per i consumatori che manipolano o consumano impropriamente carni fresche o prodotti trasformati derivanti da carni di pollame.

Il C. jejuni è stato isolato in una varietà di altri alimenti, come le verdure e frutti di mare, e in specie animali non destinate al consumo. Il C. jejuni è presente anche nei corsi d’acqua naturali, come  gli stagni.

Diagnosi:
Sono necessarie particolari condizioni di incubazione per l’isolamento e la crescita delle cellule di C. jejuni, dal momento che l’organismo è microaerofilo. I campioni di feci o tamponi rettali vengono inoculati direttamente su terreni selettivi, oppure possono essere arricchiti per aumentare la crescita. Per limitare la crescita competitiva  di altri organismi, i  terreni utilizzati per la coltivazione batterica di solito sono addizionati con sangue e antimicrobici. Le colture sono incubate a 42 ° C, in condizioni microaerofile (5% di ossigeno e 5% al 10% di anidride carbonica), per il recupero ottimale.

Popolazione Target:
I bambini di età inferiore ai 5 anni e giovani adulti tra  15-29 anni sono le popolazioni nei quali la gastroenterite da C. jejuni è più comunemente rilevata. La più alta incidenza di infezione è riscontata tra i neonati di 6-12 mesi di età.  La batteriemia può colpire anche le donne in gravidanza, con conseguente infezione del feto, che può portare ad aborto spontaneo o un parto prematuro. L’incidenza di infezione è stimato essere 40 volte maggiore nelle persone con HIV / AIDS, rispetto ad altri nella stessa fascia di età.

Analisi degli alimenti: L’ isolamento di C. jejuni dal cibo è difficile, perché i batteri sono di solito presenti in numero molto basso. La maggior parte delle matrici di prodotti alimentari vengono dilavate  e  il residuo viene raccolto e sottoposto  prima ad un pre-arricchimento e successivamente ad un arricchimento vero e proprio, seguito dall’ isolamento di C. jejuni da piastre di  agar. Per ulteriori informazioni sull’ isolamento di Campylobacter da cibo e acqua, consultare FDA’s Bacteriological Analytical Manual.

Esempi di focolai:
Per un aggiornamento sulle recenti epidemie legate da Campylobacter, si prega di visitare il CDC’s  Morbidity and Mortality Weekly Report.

Altre risorse:
I seguenti link web forniscono ulteriori informazioni su Campylobacter e la sua prevenzione e il controllo:

Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti – Q & A da la sicurezza alimentare e Ispezione, Altekruse SF, Stern NJ, Campi PI, Swerdlow DL. Campylobacter jejuni: An Emerging Infectious Diseases, [serial on the Internet]. 1999, Feb.

Diversi programmi di monitoraggio negli Stati Uniti riportano l’incidenza di infezioni da Campylobacter e la loro resistenza ai farmaci antimicrobici; per esempio, FoodNet, PulseNet, e National Antimicrobial Resistance Monitoring System.

Risorse aggiuntive includono:National Center for Biotechnology Information (tassonomia), Organizzazione Mondiale della Sanità,rapporto della FDA sulla valutazione dei rischi.

Suggested citation: Food and Drug Administration.