Home / News / Intossicazione da zucche ornamentali e zucchine amare, prestiamo attenzione!

Intossicazione da zucche ornamentali e zucchine amare, prestiamo attenzione!

Intossicazione da cucurbitacine presenti in zucche e zucchine ornamentali. In Francia e in altri paesi europei sono stati segnalati negli ultimi anni casi di intossicazione causati dal consumo di zucche ornamentali ritenute erroneamente edibili.

Le zucche ornamentali, in qualche caso, possono essere scambiate per forma e consistenza per zucche commestibili, ma il loro consumo può causare sintomi gastrointestinali per la presenza di alte quantità di cucurbitacine che producono sapore amaro. Analogamente alte quantità di cucurbitacine possono trovarsi in zucchine dal sapore amaro.

Anche in Italia sono stati segnalati da Centri Antiveleni sporadici casi di intossicazione per consumo di zucche ornamentali e in taluni casi di zucchine amare. La sintomatologia, che può durare qualche giorno e normalmente non è grave, è rappresentata da vomito e diarrea che compaiono dopo poche ore dal pasto.

Considerando che le zucche ornamentali vengono spesso esposte nei banchi dell’ortofrutta è opportuno per la tutela dei consumatori che l’Operatore del Settore Alimentare (OSA) indichi chiaramente la NON commestibilità delle zucche ornamentali attraverso apposite etichette o cartellonistica. Ove possibile, è comunque preferibile che le zucche ornamentali siano esposte in reparti diversi da quello alimentare.

Inoltre, occorre considerare che un potenziale rischio per il consumatore può essere rappresentato dalla coltivazione in orti domestici nei quali è consigliabile seminare le zucche ornamentali ben lontane dalle zucche commestibili. Ciò eviterà confusioni tra le specie nonché incroci tra le specie edibili e non. Le zucchine con eccesso di cucurbitacina, invece, non sono diverse dalle altre nell’aspetto ma è solo il sapore amaro che le contraddistingue.

Pertanto il consumatore, qualora avverta il sapore amaro nel consumo di zucche o zucchine, deve evitarne l’ingestione.