Home / News / La zanzara coreana continua a diffondersi in Italia

La zanzara coreana continua a diffondersi in Italia

Recentemente si è assistito all’arrivo di nuove specie di zanzare esotiche in Italia tra cui la zanzara giapponese (Aedes japonicus japonicus) e la zanzara coreana ( Aedes koreicus), specie che vanno ad aggiungersi alla ormai nota zanzara tigre (Aedes albopictus) presente da tempo in forma autoctona nella nostra Nazione.

Queste due specie di più recente segnalazione mostrano inoltre una marcata resistenza alle basse temperature, ragione per cui per cui hanno rapidamente colonizzato l’ampia area collinare-montana del Veneto e del Trentino, diffondendosi in breve tempo anche  in Liguria, Lombardia ed in Piemonte.

Un interessante studio condotto dall’Università degli studi di Milano pubblicato sulla rivista Parasites & vectors descrive in particolare caratteristiche e modalità di diffusione della zanzara Coreana.

L’Aedes koreicus è endemica in Giappone, nel nord della Cina, nella Corea del Sud e in alcune zone della Russia. La prima segnalazione relativa a tale specie in Italia risale al 2011  in provincia di Belluno, ad altitudini e condizioni climatiche inadatte alla sopravvivenza della maggior parte delle zanzare comuni. Da allora le segnalazioni nel nord Italia sono aumentate.

Attualmente non è noto quale possa essere il potenziale rischio legato alla presenza della Aedes koreicus nel nostro Paese. Sperimentalmente è stata accertata la capacità della zanzara coreana di trasmettere la filaria, il timore è che possa altresì veicolare  il virus della Chikungunya o il virus dell’encefalite giapponese.

Pertanto i ricercatori sottolineano l’importanza di intensificare le indagini su tali specie aliene approfondendo in particolare gli aspetti relativi alla capacità sa trasmettere virus patogeni per l’uomo e per gli animali.