Home / Malattie trasmesse dagli alimenti e dagli animali / L’Efsa pubblica il Report 2018 sulla presenza in Europa di TSE (Encefalopatie Spongiformi Trasmissibili)

L’Efsa pubblica il Report 2018 sulla presenza in Europa di TSE (Encefalopatie Spongiformi Trasmissibili)

Il Report presenta i risultati della sorveglianza sulle Encefalopatie Spongiformi Trasmissibili (TSE) nei bovini, pecore, capre e cervidi per l’anno nel 2018 in 28 Stati membri (UE) ed in Islanda, Macedonia del Nord, Norvegia e Svizzera (Stati non UE).

Sono descritti altresì gli esiti degli studi di genotipizzazione sugli ovini.

Relativamente alla specie bovina sono stati testati in totale (Paesi UE + Paesi non UE) 1.202.336 campioni: un solo caso di Encefalopatia Spongiforme Bovina classica (BSE) è stato segnalato nel Regno Unito, tre casi BSE atipica (tipo 2 L/1 H-type) sono stati segnalati in Francia.

Relativamente agli ovi-caprini i campioni testati sono stati complessivamente 463.514.

Negli ovini sono stati segnalati 934 casi di Scrapie: 828 casi classici e 127 casi atipici. La genotipizzazione è stata effettuata solo in otto Stati membri ed ha mostrato che il 18,7% delle pecore sottoposte a tale esame risultava portatrice di genotipi sensibili.

Nelle capre sono stati segnalati 523 casi di Scrapie: 517 casi classici e sei atipici.

L’attivazione di un programma di sorveglianza triennale per Chronic Wasting Disease (CWD) nei cervidi che ha avuto inizio a partire dal 01/01/2018 in sei Stati membri (Estonia, Finlandia, Lettonia, Lituania, Polonia e Svezia) ha portato al controllo di 5.110 esemplari ed alla conferma del primo caso di CWD nell’UE: un’alce in Finlandia.

La Norvegia ha testato 33.037 cervidi, segnalando sette nuovi casi di malattia: in sei renne e in un alce.

The European Union summary report on surveillance for the presence of transmissible spongiform encephalopathies (TSE) in 2018