Home / Altro / Pesce fresco ma solo all’apparenza….

Pesce fresco ma solo all’apparenza….

Attenzione al pesce fresco, vi è il rischio che si tratti di una fregatura!!

Infatti pescatori e commercianti senza scrupoli hanno introdotto il Cafodos, un additivo chimico che si trova facilmente in vendita su internet e la cui commercializzazione è legale in molti paesi europei (ad esempio in Spagna), ma non in Italia. Esso ha la straordinaria capacità di far apparire fresco il pesce anche se internamente esso è in fase avanzata di deterioramento. In genere viene venduto come spray e “spruzzato” sul ghiaccio con cui è conservato il pesce e questo apparirà fresco e lucido per almeno un paio di giorni.

Ma che cos’è il Cafodos? E’ una miscela di alcuni composti chimici non particolarmente aggressivi, perossidi e correttori dell’acidità, sostanze che, una volta sciolte in acqua, diventano difficili da rilevare anche con analisi chimiche approfondite.

Di per sè non è una miscela tossica, quindi, gli effetti sulla salute dei consumatori non sono connessi alla sua diretta ingestione bensì a quella del pesce marcio che il cafodos sprona a mangiare.

Il pesce, come tutti gli alimenti a composizione proteica, deteriorandosi sviluppa istamina: ciò succede in particolar modo per le tipologie di pesce con un alto contenuto di proteine, quali, ad esempio, tonno, sardine, alici e più in generale il pesce azzurro.

Quindi in caso di utilizzo del Cafodos può essere messo in commercio un pesce  vecchio che ha sviluppato alte quantità di istamina. Quantità tali da essere potenzialmente anche molto tossiche per l’uomo e che possono provocare  avvelenamento o forti reazioni allergiche con arrossamenti cutanei, cefalea, palpitazioni, nausea, diarrea. Per le persone asmatiche o cardiopatiche i sintomi potrebbero essere anche più violenti e pericolosi.

Come fare quindi per riconoscere il pesce trattato con cafados?

Ecco alcuni consigli:

1) Occhio al pesce troppo economico;

2) Occhio anche a come viene venduto: se vedete sardine o acciughe immerse in soluzione acquosa e ghiaccio, nelle classiche cassette di polistirolo, esitate,se fossero fresche, non ne avrebbero bisogno;

3)il cafados rende le superfici brillanti ma non attenua la perdita della sodezza della carne di pesce: tastate gli animali. Inoltre si può cercare di capire se il pesce è fresco guardandone gli occhi,in particolare se sono appiattiti e infossati,poiché il cafados non ne attenua il degrado. Anche l’odore gioca un fattore determinante, la sostanza non ne può mascherare l’odore.