Vibrio parahaemolyticus

vibrio

Per i consumatori:

Ci sono diversi tipi di Vibrio, un batterio che può causare malattia, mangiando frutti  di mare contaminati. La malattia da questo tipo di Vibrio è legata principalmente alle ostriche, anche se altri tipi di pesci e molluschi contaminati a volte causano la malattia. Non causa il colera (quella specie di Vibrio è trattato in un altro articolo), ma può causare diarrea con sangue, crampi allo stomaco, febbre, nausea e / o vomito, che di solito sono abbastanza lievi e durano meno di una settimana. In persone con sistemi immunitari deboli, può diffondersi attraverso il sistema circolatorio e causare infezioni gravi o mortali in altre parti del corpo. Il target di popolazione più esposto è rappresentato da quelle persone affette da  diabete, malattie epatiche, malattie renali, cancro, AIDS o altre malattie che indeboliscono il sistema immunitario. Queste persone, in particolare, devono  consumare prodotti della pesca ben cotti.
Organismo: questo batterio è un Gram-negativo, a forma curva spesso isolata dalle foci estuario e marine delle zone costiere degli Stati Uniti e di altre zone costiere dal clima tropicale/temperato di tutto il mondo. Entrambe le forme patogene e non patogene dell’organismo possono essere isolate da ambienti marini , di estuario e dai frutti di mare raccolti da questi ambienti.
In generale, la maggior parte dei V. parahaemolyticus isolati dall’ambiente non sono patogeni. Attualmente, i ceppi patogeni sono identificati dalla presenza di uno o entrambe le emolisine TDH (termostabile emolisina diretta) e TRH (emolisina termostabile-correlati).
La temperatura ottimale per lo sviluppo di  V. parahaemolyticus va dai 20 ° C a 35 ° C; può crescere a temperature fino a 41 ° C. È lentamente inattivato a temperature inferiori ai 10 ° C (temperatura minima di crescita), e le culture non devono mai essere conservati in frigorifero.
Si lisa quasi subito in acqua dolce; quindi, non è di solito trasmessa per via orale fecale. Per la crescita  è necessaria una concentrazione di lmeno 0,5%  di NaCl 2%, una situazione ottimale prevede una concentrazione del 2% NaCl.
Come altri vibrioni, V. parahaemolyticus è altamente suscettibile a livelli bassi di pH, al congelamento, e alla cottura. La maggior parte dei ceppi di V. parahaemolyticus produce una capsula, ma tutti i ceppi possono essere uccisi da disinfettanti comuni, come candeggina e alcool.
Malattia: (Vibrio parahaemolyticus non causa il colera e non deve essere confuso con il Vibrio cholerae, che lo provoca. )
Mortalità:  la morte si verifica in circa il 2% delle gastroenteriti e del 20% al 30% dei casi setticemia.
Dose infettiva:  la FDA (V. parahaemolyticus Risk Assessment) ha dichiarato che l’ ID50 (la dose infettiva media) è di 100 milioni di organismi. Tuttavia, la prova di un focolaio nel 2004 suggerisce una dose infettante> 1.000 volte meno rispetto alla valutazione del rischio stimato da FDA.
Insorgenza:  il periodo di incubazione è di 4 a 90 ore dopo l’ingestione dell’organismo, con una media di 17 ore.
Malattia / complicazioni:  gastroenterite V. parahaemolyticus-associata è il nome dell’infezione causata dal consumo di questo organismo. Di solito è lieve o moderata. La diarrea causata da questo organismo è di solito autolimitante, meno del 40% dei casi richiedono l’ospedalizzazione e / o il trattamento antibiotico. Anche se la malattia è generalmente lieve o moderata, V. parahaemolyticus può anche causare setticemia in persone sensibili. I soggetti a rischio sono le persone con diabete, malattie epatiche, malattie renali, cancro, AIDS o altre malattie che provocano uno stato di immunocompromissione, e quelle persone trattate con farmaci immunosoppressivi.
Oltre alla malattia gastrointestinale di origine alimentare, questo organismo può anche causare infezioni della ferita. Ciò avviene, sia attraverso l’esposizione di una ferita contaminata da acqua marina o acqua di estuario o attraverso ferite subite durante la manipolazione di pesce, crostacei.
Sintomi:  diarrea, dolori addominali, nausea , vomito e diarrea emorragica associata alla gastroenterite provocata dallo stesso microrganismo.
Durata:  la durata media della malattia varia da 2 a 6 giorni.
Via di trasmissione: orale, infezioni gastroenteriche di origine alimentare, per esposizione diretta,attraverso infezioni cutanee.
Patogenesi:  il meccanismo patogenetico attraverso il quale V. parahaemolyticus causa la malattia rimane poco chiaro . Tuttavia , è noto che la TDH è una tossina che provoca la lisi dei globuli rossi e può attaccare le cellule intestinali ,a discapito dell’equilibrio elettrolitico . Il meccanismo di azione  della tossina TRH è simile a quello della TDH , interrompe il flusso elettrolitico nelle cellule intestinali.
Frequenza:  Centers for Disease Control and Prevention ( CDC ) stima che circa 45.000 casi da V. parahaemolyticus si verificano ogni anno , negli Stati Uniti , e che circa l’ 86 % di loro sono di origine alimentare . Esiste una correlazione tra probabilità di infezione e i mesi più caldi , quando le temperature dell’acqua sono superiori ai 15 ° C ( 59 ° F ) . CDC stima che solo 1 su 20 casi di V. parahaemolyticus sono segnalati , ed è probabile che l’ospedalizzazione e la morte siano rari tra i casi non denunciati.
Fonti: negli Stati Uniti, le infezioni con questo organismo in genere sono associati con il consumo di ostriche crude o cotte in modo improprio . Altri prodotti a base di pesce , tra cui i pesci , calamari, polpi , aragoste , gamberetti, granchi e vongole , sono state collegate al V. parahaemolyticus , più frequentemente nei paesi asiatici.
Una cottura accurata uccide gli organismi Vibrio , così le malattie che si verificano di solito sono dovute al consumo di frutti di mare crudi o frutti di mare cotti contaminati con il prodotto grezzo .  La refrigerazione fatta  in maniera scorretta di prodotti ittici contaminati da questo organismo consentirà la sua proliferazione,  che aumenta la possibilità di infezione .
Diagnosi:  la diagnosi viene fatta dalla coltura dell’0rganismo ottenuta dalle feci di un malato,dalla ferita, o dal sangue (in casi setticemia ).
Popolazioni target: se  un consumatore mangia dei prodotti ittici crudi o cotti in maniera  scorretta è suscettibile all’ infezione da parte di questo organismo . Le persone con  un  sistema immunitario compromesso sono a maggior rischio di setticemia e morte.
Analisi sugli alimenti Il manuale di batteriologia analitica della FDA ( BAM ) descrive i metodi più comunemente utilizzati per isolare questo organismo dagli alimenti. Molti isolati da matrici alimentari  non sono patogeni ; pertanto ,  l’analisi degli alimenti, che isola per i determinanti di virulenza, è raccomandato. Il BAM raccomanda una sonda di DNA e / o di una procedura PCR per l’identificazione di geni responsabili TDH e la produzione TRH .Inoltre , ci sono metodi molecolari più recenti disponibili per la caratterizzazione di virulenza , molte delle quali possono essere applicati direttamente sui prodotti a base di pesce , per lo screening per la presenza di organismi patogeni prima dell’ isolamento.
Esempi di focolai:  nel 2006 i Frutti di mare sono stati collegati a 177 casi a New York , Oregon e Washington. Nel 2004 , in Alaska , 62 casi sono stati collegati al consumo di ostriche crude.
Altre risorse: il National Center for Biotechnology Information Tassonomia fornisce informazioni sulla classificazione storica di V. parahaemolyticus , così come informazioni correnti  sulla sequenza genetica . La valutazione del rischio FDA fornisce  una valutazione del rischio sul Vibrio parahaemolyticus in modo sistematico . Esso comprende modelli matematici sviluppati per stimare l’esposizione a questo microrganismo , relazioni dose-risposta e l’efficacia delle strategie di mitigazione.