Home / Malattie trasmesse dagli alimenti e dagli animali / Zoonosis Day: l’ONU pubblica un report – Preventing the next pandemic

Zoonosis Day: l’ONU pubblica un report – Preventing the next pandemic

Nella Giornata Mondiale delle Zoonosi, un nuovo Rapporto ONU ” Preventing the Next Pandemic: Zoonotic diseases and how to break the chain of transmission “sottolinea il rischio di comparsa di nuovi focolai pandemici qualora non si provveda a mettere in atto misure efficaci a salvaguardia degli ecosistemi.

La costante perdita di biodiversità ed i cambiamenti climatici incontrollati rappresentano importanti fattori di rischio per la comparsa di nuove malattie da virus che possono passare dagli ospiti animali alla popolazione umana, come accaduto di recente con la pandemia da COVID 19.

Il rapporto, che nasce da uno sforzo congiunto  tra Nazioni Unite per l’ambiente (UNEP) e International Livestock Research Institute (ILRi),  identifica, secondo il principio del One Health, dieci soluzioni pratiche che i governi possono adottare per prevenire future epidemie zoonotiche;

  1. Ampliare l’indagine scientifica sulle malattie zoonotiche;
  2. Migliorare le analisi costi-benefici degli interventi per includere la contabilità a costo pieno degli impatti sociali delle malattie;
  3. Sensibilizzazione sulle malattie zoonotiche;
  4. Rafforzare le pratiche di monitoraggio e regolamentazione associate alle malattie zoonotiche, compresi i sistemi alimentari;
  5. Incentivare pratiche sostenibili di gestione del territorio e sviluppare alternative per la sicurezza alimentare e mezzi di sussistenza che non si basino sulla distruzione degli habitat e della biodiversità;
  6. Migliorare la biosicurezza e il controllo, identificare i fattori chiave delle malattie emergenti nella zootecnia e incoraggiare misure di gestione comprovate e di controllo delle malattie zoonotiche;
  7. Sostenere la gestione sostenibile dei paesaggi e dei paesaggi marini che migliorano la coesistenza sostenibile di agricoltura e fauna selvatica;
  8. Rafforzare le capacità tra le parti interessate della salute in tutti i paesi;
  9. Rendere operativo l’approccio One Health nella pianificazione, attuazione e monitoraggio dell’uso del suolo e dello sviluppo sostenibile anche in altri campi.

Si riportano di seguito alcuni link di approfondimento: